legge-di-stabilita-2013

Il governo lancia qualche briciola agli italiani affamati e poi, sotto il tavolo, si frega la pagnotta. La legge di Stabilità è ancora in fasce ed è già figlia di nessuno. La maggioranza delle larghe fratture l’ha messa nella ruota degli esposti, si dissocia e promette profonde modifiche in Parlamento.
Dopo la caramellina dello sconto sul cuneo fiscale, i 14 euro al mese della solita elemosina “meglio che niente”, ecco la medicina amara della possibile stangata sulle accise (benzina, sigarette…) fino a 10 miliardi nel 2017, una tagliola pronta a scattare dal 2015 se nel frattempo non arriveranno 2,2 miliardi dall’ennesima, sbandierata e decantata spending review, un oggetto mitico e misterioso, una landa incognita, la mitica Atlantide degli ultimi governi.

Lo spread scende? Si sa che esso è determinato da un ristretto club di fondi e banche d’affari che speculano sui titoli di Stato, quel club finanziario a 18 buche che difende Letta e questo sistema. Vogliono un uomo solo al comando, e questa legge è di stabilità perché punta a garantire solo la loro stabilità.

Manovra della ripartenza e della crescita? Ecco perché non sarà così.

– lo sconto sul cuneo fiscale da 14 euro al mese per i lavoratori dipendenti rischia di essere vanificato dal taglio alle detrazioni Irpef (19%) per spese come salute, formazione, mutui, etc…;
– il modesto beneficio sul cuneo riguarda solo 16 milioni di lavoratori dipendenti. Ma il taglio al 18 e poi al 17% delle detrazioni Irpef colpirà anche pensionati o lavoratori autonomi che non beneficiano di nessun aumento della detrazione. Inoltre agiranno retroattivamente già dal 2013, alla faccia dello Statuto del contribuente;
– sui redditi più bassi, anche per i lavoratori dipendenti il beneficio sul cuneo fiscale rischia di essere annullato da altre detrazioni (coniuge, figli a carico). Chi finisce in no-tax area, infatti, non paga tasse, ma non ha nemmeno benefici;
– si profila una stangata clamorosa sulle accise di benzina, sigarette e altro. E’ la solita clausola di salvaguardia a copertura della futura spending review. Il governo non si fida mai delle proprie misure e allora è sempre pronto a un piano B che è la consueta fregatura;
– l’ecobonus andrebbe non solo prorogato ma stabilizzato;
– dentro l’acronimo infelice della Trise c’è la Tasi, l’imposta immobiliare sui servizi dei comuni che pagheranno anche gli inquilini: ma non li paghiamo già tutti con l’addizionale comunale Irpef? E’ illegittimo tassare due volte la stessa prestazione;
– Alfano aveva sbandierato: “La parola Imu sparisce dai prontuari dei commercialisti”. Invece continuano a pagarla le seconde case e le prime di lusso (spesso finto lusso);
– il blocco del turn over fa invecchiare la Pubblica amministrazione e abbassa il tasso di innovazione ed efficienza;
– è odiosa l’erogazione differita del Tfr nel pubblico impiego: il neo-pensionato spesso ci ha costruito sopra i progetti di una vita;
– si trovano sempre i soldi per le scuole private. E quella pubblica?
– 400 milioni per l’obbrobrio del Mose e appena 20 milioni per la banda larga: E’ questo un Paese che scommette sulla sostenibilità e sull’economia immateriale della conoscenza?
– addio al Fondo affitti attivato con la legge di stabilità del 2013. Tanto l’emergenza abitativa non esiste per questo governo;
– c’è la solita manciata di tasse e contributi occulti come i 50 euro per l’accesso agli esami da avvocato o ai concorsi per magistrati e notai. E poi 16 euro di imposta forfettaria per le istanze da e verso le pubbliche amministrazioni;
– perché non inasprire la tassazione sulle rendite finanziarie? No, meglio proteggere i soliti potenti;
– come farà un governo in queste condizioni a trovare gli oltre 2 miliardi che servono per cancellare la seconda rata Imu 2013?

Tranquilli: inventeranno l’abituale scandaletto per distrarci.

Fonte M5S Parlamento

By Menfi 5 Stelle, 17/10/2013 Condividi su Twitter Condividi su Facebook Commenta (0)

Articoli recenti:

barca
italia5stelle
tassa-soggiorno
m5s-accessi-al-mare
Sicilia_Giugno_2015_310
metodo-lota-big

Commenta:

Se è la prima volta che commenti un post su Menfi5Stelle.it, quando cliccherai sul pulsante “posta come” ti verrà chiesta un’iscrizione semplice e gratuita, che potrai effettuare utilizzando uno dei tuoi account Facebook, Twitter, Google o Yahoo. I commenti sono liberi, senza moderazione da parte degli amministratori del sito, a condizione che chi scrive sia bene identificabile con nome, cognome e possibilmente una foto di riconoscimento ( leggi Termini e Condizioni di Utilizzo ).
Menfi 5 Stelle è anche qui. Seguici!
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su Google+ Guarda le nostre foto su Flickr Guarda i nostri video su YouTube Contattaci via Email
L'attività politica del M5S
Informati, Divulga, Partecipa
PROPONI LE TUE IDEE PER MENFI
Prendi parte al gruppo di lavoro "PROponi il tuo PROgramma" insieme ad altri attivisti menfitani
ISCRIVITI AL MEETUP REGIONALE
Eventi, discussioni, proposte: entra a far parte della grande squadra del M5S Sicilia
SCRIVI CON NOI LE LEGGI ALL'ARS
Unisciti ai nostri portavoce all'Assemblea Regionale e a centinaia di attivisti siciliani per portare avanti le nostre proposte in regione
ISCRIVITI AL MOVIMENTO 5 STELLE NAZIONALE
Condividi le tue idee con i 500mila iscritti del MoVimento, scegli i candidati alle elezioni, proponi la tua candidatura
SCRIVI CON NOI LE LEGGI IN PARLAMENTO
Con il "Sistema Operativo M5S" puoi confrontarti con migliaia di cittadini per scrivere le leggi da presentare in Parlamento
GUARDA LA RUBRICA "5 GIORNI A 5 STELLE"
Rimani aggiornato sull'attività settimanale del M5S in Parlamento guardando il nostro TG online. Condividi i video sui tuoi social.
Video in Evidenza
  • comizio 26 5 2013 2 parte

  • Intervento in aula di Stefano Zito seduta del 9 Giugno 2015

  • Alfonso Bonafede (M5S) Otto e mezzo - Integrale

  • #RedditodiCittadinanza, l'Istat conferma la proposta del MoVimento 5 Stelle

I link importanti
Archivio

Consulta l'archivio dei nostri articoli:

  • Articoli del 2016 (7)
  • Articoli del 2015 (17)
  • Articoli del 2014 (35)
  • Articoli del 2013 (107)
  • Articoli del 2012 (32)
  •